Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

venerdì 2 maggio 2014

SVILUPPO - Pieno di emozioni ieri a Taranto ...e la chiamano solo festa!


Emozioni vivissime nel the day after di questo ricco I maggio tarantino, tanto che non riusciamo ancora a metterle in ordine. Lo facciamo ora, per condividerle con voi, senza troppi fronzoli, buttandole in questo post così come vengono… dapprima c’è stata l’attesa dell’evento, seguita dalla speranza che il tempo non rovinasse la festa; poi la carica nel vedere quanta partecipazione ci sia stata attorno al dibattito della mattina, nonostante la pioggia; l’orgoglio di vedere nella nostra città quello che andiamo sempre cercando nelle altre; il piacere di vedere che sappiamo fare anche noi cose straordinarie e senza timbri ed elemosine istituzionali; la dolce certezza che è un evento che avrà futuro perché i tarantini, il Paese e gli artisti sensibili hanno bisogno di qualcosa che riesca a convogliare la rabbia di chi non vuole cedere alle ingiustizie; l’emozione per la condivisione dei messaggi lanciati da quel
La platea di ieri in una foto dei Liberi e Pensanti.
palco e perfettamente recepiti dalla platea; l'impeto di quell'urlo 'Taranto Libera' ripetuto con tutta la forza e il dolore degli intervenuti; la commozione nel vedere Taranto col suo vestito migliore: organizzazione, accoglienza, sorriso; la gioia nel vedere gruppi di spagnoli, tedeschi e inglesi, oltre che ragazzi di tutto il Sud, ballare con Taranto e per Taranto; la passione dei fuori sede; la fierezza nel vedere tutti gli esercizi commerciali della zona aperti e presi d’assalto, a dimostrare quante prospettive possano originarsi da economie sane; la bellezza nel vedere come serietà e divertimento, nella loro purezza, possano convivere e alimentarsi a vicenda; la soddisfazione nel sentire le bellissime parole sulla nostra città e la nostra gente spese dagli emozionati Barbarossa (eccelso padrone di casa), Mannoia, Caparezza, Capossela, Turci; il calore nel cogliere la sincera vicinanza dell’impagabile Roy Paci (che duetto con Capossela!), di Gino Strada, di Pino Aprile, dei Sud Sound System, di Mama Marjas, di Rivera, degli altri artisti intervenuti e di chi si è prodigato dietro le quinte per la riuscita della giornata; la potenza dell'unione fra movimenti di ribellione di tutta Italia e i preziosi moniti lanciati al pubblico; la solidarietà con i fondi devoluti al Moscati per l'acquisto di un emogasometro; la felicità di vedere quanti fossimo, 100-120 mila cuori che battevano all’unisono fra musica e contenuti; il coinvolgimento suscitato dagli entusiasti Valentina Petrini (bra-vis-si-ma!) e Michele Riondino, prezioso protagonista di quest'evento; la tenerezza per l’emozione provata dai tanti gruppi emergenti nell’esibirsi davanti a un pubblico tanto vasto e partecipe; la
Esercizi commerciali presi d'assalto.
forza dei volti degli organizzatori e dei tantissimi volontari, stremati e orgogliosi nel constatare cosa fossero riusciti a mettere in piedi e come; il senso di comunità, iniziato prima e che continuerà anche oggi con la pulizia del Parco. E tanto altro ancora. Vallo a spiegare a quella banda del Titanic del concerto di Roma, ormai svuotato del suo significato più autentico. No, non è il paragone con Roma che vogliamo fare, ma fra i significati dei due eventi. Perché qui la festa è nata per rinvigorire resistenza e lotta alle barbarie perpetrate da un sistema economico e politico becero e infido. Sentimenti che i sindacati non rappresentano più da tempo. Di batoste dal sistema ne stiamo prendendo, ma siamo ancora qui, piegati e affatto spezzati, fanno bene i potenti ad agitarsi. La battaglia continua, ancora più forte di prima, anche grazie al pieno di orgoglio ed energia fatto ieri.

Nessun commento:

Posta un commento