Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

lunedì 17 febbraio 2014

CULTURA - Raffaele Carrieri a 109 anni dalla nascita


Raffaele Carrieri.
Centonove anni fa nacque a Taranto Raffaele Carrieri, poeta e scrittore fra i più rappresentativi di sempre della nostra città. Lo ricordiamo nel giorno della nascita, come ci piace fare sempre, convinti che la memoria renda più solida ogni comunità, perché più radicata nella sua storia ed in quella dei figli che l'hanno attraversata. Carrieri visse stabilmente a Taranto solo fino ai 14 anni, benché vi tornò diverse volte, ma portò sempre la città natale nei suoi scritti. Mai da parte sua supponenza verso le proprie origini, né il facile giudizio di chi ne prende le distanze dopo essere andato via. I suoi scritti sono carezze al nostro mare e ai costumi della nostra gente. Forse perché non fu l’ingrata Taranto a cacciarlo, ma la sua curiosità intellettuale a spingerlo lontano, fra viaggi ed esperienze che ne saziarono la vivacità culturale. Ancora adolescente raggiunse clandestino l’Albania per arrivare in Montenegro a piedi, dove visse qualche tempo coi pastori locali. Nel 1920 aderì alla campagna D’Annunziana per l’annessione di Fiume, rimanendo ferito alla mano sinistra nel corso dei cinque, cruenti giorni di scontri con l’esercito regolare italiano. Fu nuovamente a Taranto, dove fondò la rivista Il Poliedro nel ’24 e poi a Palermo come doganiere. Lasciò la Sicilia e, come marinaio fu ramingo
per le coste del Mediterraneo, prima di tornare nuovamente a Taranto come gabelliere. Qui diede vita alla sua prima raccolta di scritti, Il lamento del Gabelliere, nel 1945. Quindi arrivarono gli anni fondamentali di Parigi, durante i quali venne in
contatto con importanti personalità dell’avanguardia europea e con lo spirito che pervase la sua poetica. Ebbe modo di frequentare Lautrec, Picasso, Modigliani, Cedras, Marini e Appolinaire. Infine, nel ’30, si stabilì a Milano fino alla morte avvenuta a Camaiore nel 1984 (QUI trovi l’articolo con cui Repubblica ne annunciò la morte il 16 settembre). Scrittore, poeta e critico d’arte, raggiunse una notevole fama fra gli anni ’40 e ’50, nei quali collaborò con numerose riviste e giornali, fra i quali Il Corriere della Sera, l’Ambrosiano ed Epoca, fino a fondare il mensile di arte e letteratura Le Tre Arti. Lo stile che lo ha contraddistinto è stato unico ed originale. Alla drammaticità dei temi trattati, concreti e autobiografici, abbinò sempre la ricercatezza della forma e la leggerezza popolare che pervade i suoi versi. Taranto dedica a Carrieri una scuola e un vicolo sull’Isola (lo trovi QUI).

da Poca luce, in La civetta
Se qualche poco di luce
da lontano mi viene
è da te Jonio gentile
che le muse riconduci
ai lidi degli Dei.
Fra l'uva e l'uliva
Eros ancora versa
vino agile e resina
            *** 
Pietà cuori duri
 Pietà, pietà cuori duri
pietà per l'uccello migratore
che ha perduto un'ala in volo.
Pietà per l'orfano gitano
che s'è giocato a carte
sella e cavallo
suicida in una prigione.
Pietà per il giovane Nessuno
ucciso in Cina
o un qualsiasi altro luogo
clima razza condizione.
Pietà per chi muore all'impiedi
dentro una camera d'affitto.
Pietà per chi cade
pietà per chi si lascia cadere.
Pietà, pietà cuori duri
voi che siete sempre seduti
e apprendete dai giornali
la morte degli altri.
            ***
Volgiti dalla mia parte
 Lascia pinze e pinzette
e le matite che riscrivono l'occhio.
Mia bella, lascia il rosso
che tinge il bicchiere.
Lascia scorrere la voce
come un liquore insensato
e non correggere il tempo
con l'ora tetra dell'orologiaio.
Mia bella, non aggiungere non sottrarre:
lascia al pettine il divagare
e volgiti dalla mia parte.

Bibliografia: Enciclopedia TreccaniClub.it e Wikipedia

Nessun commento:

Posta un commento