Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

venerdì 20 dicembre 2013

SVILUPPO – Papa Francesco, venga a incoraggiarci, non ad accarezzarci


Il Papa ha intenzione di venire nella nostra città, lo ha detto a Monsignor Santoro, Arcivescovo di Taranto, che gli ha raccontato dei nostri drammi. Bene, anzi benissimo. Però lo diciamo subito: la sua vicinanza rappresenterà un importante messaggio di solidarietà per la nostra flagellata comunità, ma il solo invito alla speranza non potrà bastarci. Sperare aiuta l’animo, ma rende passivi davanti a un destino che invece dobbiamo iniziare a costruire con le nostre mani e in modo diverso. Passivi e in attesa di aiuti altrui ci siamo stati fin troppo tempo e ne paghiamo caramente le conseguenze. Neppure esortazioni alla conciliazione e, men che meno, al compromesso potranno essere utili, in una contrapposizione che ci rifiutiamo di alimentare. Fra la vita e il lavoro la Chiesa dovrebbe ben sapere da che parte stare e in ogni caso la pensiamo diversamente da chi ci vuole imporre questa ignobile conflittualità. Per noi la scelta è fra la morte e il cambiamento, non fra la prima e la miseria. Senza avvelenatori possiamo vivere e
bene, esattamente come accade in altre migliaia di città come Taranto. Toccherà attraversare il sacrificio, ma lo sappiamo fare da sempre. Per questo da Papa Francesco ci aspettiamo un monito coraggioso. Un messaggio forte, un po' come quello che Giovanni Paolo II seppe infondere nei suoi connazionali per sostenerli nella battaglia per il recupero dell’identità e dell’orgoglio smarritisi sotto il regime sovietico. Lo fece andando controcorrente all’orientamento stesso della Chiesa. E qui le analogie con la chiesa locale si potrebbero sprecare. Ecco, di questo abbiamo bisogno: di fiducia e di coraggio, affinché anche un tarantino in più abbia chiara la via da percorrere. Di sapere, da una voce autorevole e incisiva, che possiamo dar vita a un’altra realtà, ad una rinascita morale e culturale senza alcun compromesso e lotta fratricida. Una realtà, d’altra parte, assai più vicina ai valori che lo stesso cattolicesimo predica. Parli con i parenti di chi ha dato la vita per questo sviluppo deleterio, coi malati del Moscati, non si faccia solo portare in giro fra i viali di uno stabilimento tirato a lucido per il suo passaggio. Allora sì che la visita potrà andare ‘oltre’ al senso di una dolce carezza. Non venga a placarci il Papa degli Ultimi, ma ci aiuti a sollevarci! che anche qui abbiamo i carri armati di Stato sopra alle teste.

“Bisogna avere il coraggio di camminare nella direzione nella quale nessuno ha camminato finora (…) l’anima santa viene qui a rinnovare questa terra”.
Carol Wojtyla (durante il primo viaggio del suo pontificato in Polonia, 1978)

Nessun commento:

Posta un commento