Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

venerdì 17 maggio 2013

CULTURA – Poche speranze per riavere la Dea in Trono, ma per i tarantini Persefone ritorna ogni Primavera


La splendida Dea in Trono, o
Persefone Gaia, conservata a Berlino.
Alla stagione in corso è legata una storia di devozione assai antica nella nostra città, che andrebbe recuperata quale patrimonio culturale del territorio. In Primavera infatti, la mitologia vuole che abbia luogo il ritorno della Dea Persefone dagl’Inferi!  Abbiamo imparato a conoscere Persefone (Proserpina per i romani) per via dei diversi tentativi(*) di recuperare la magnifica scultura della Dea in Trono (V sec. a.C.), preziosa testimonianza del culto di cui fu oggetto nella Città dei Due Mari e che il destino vuole lontana da Taranto sin dal suo ritrovamento, ai primi del 1900. Fu in quel periodo che, venuta alla luce in occasione di uno scavo nei pressi dell’Arsenale, fu subito trafugata per venire poi acquistata da Guglielmo II di Germania per l’incredibile cifra di un milione di marchi. La  burocrazia ci ha fatto ormai capire che l’acquisto fu regolare e che perciò l’opera non è più ottenibile. Oggi la Dea fa bella mostra di sé, con quel sorriso ammaliante che precede di secoli quello della Gioconda, in uno dei musei più importanti di Berlino, l’Altes Museum, dove rappresenta il pezzo forte della collezione classica (vedi QUI). Ma perché si diceva che ritorna ogni primavera? Perché la leggenda di Persefone è una delle più affascinanti storie d’amore della mitologia greca, e addirittura micenea, che affonda le sue radici nel rapimento della Dea,

bellissima figlia di Zeus e di Demetra, ad opera di suo zio Ade, Dio dell’oltretomba. Il mito tramanda che giunta negli Inferi, le fu offerta della frutta, della quale assaggiò sei chicchi di melograno, ignara del fatto che, chi si fosse nutrito dei frutti dell’oltretomba, ne sarebbe rimasto prigioniero per l’eternità. Sua madre Demetra, Dea della fertilità e dell’agricoltura, che prima di questo episodio procurava agli uomini interi anni di buon raccolto, per la disperazione fece precipitare i campi in un inverno senza fine. L’intercessione di Zeus portò ad un accordo secondo il quale, considerato che Persefone aveva mangiato solo 6 chicchi e non il frutto intero, sarebbe rimasta negl’Inferi solo per il numero di mesi equivalente a quello dei semi ingeriti. Persefone avrebbe così trascorso sei mesi nell’oltretomba con il marito e sei sulla terra con la madre la quale, da allora, avrebbe festeggiato il ritorno primaverile della figlia sulla terra, facendo rifiorire la natura fino a tutta l’estate. I motivi legati all’amore, alla fertilità e alla rinascita dopo la morte,  resero Persefone particolarmente venerata sin dai tempi dei micenei in Grecia (1600-1100 a.C.). Celebri furono i Misteri Eleusini, riti antichissimi che rappresentavano il ciclo perenne del riposo e del risveglio della vita nelle campagne, testimoniati su diversi dipinti e ceramiche di varie epoche. I riti si estesero a tutta la Grecia antica e alle sue colonie, compresa la nostra Taranto, e da qui a Roma, dove ebbero larga diffusione anche presso Cicerone e l’imperatore Adriano. Taranto  porta della cultura classica in Occidente, un vanto da non dimenticare, insieme al mito della sua Persefone.


*In diverse occasioni si è lavorato per ottenere una riproduzione fedele della Dea in Trono, ma senza alcun risultato che andasse oltre agli annunci. Accadde nel 2009 quando l’assessorato alla Cultura del Comune retto dalla prof.ssa Mignogna s’interesso assieme all’allora ass. al Turismo della Regione Ostillio (leggi QUI). E accadde l’ultima volta nel 2011 (leggi QUI) per interessamento dell’allora assessore comunale all’Attuazione del Programma Pierri, insieme al Soprintendente ai Beni Archeologici dell’epoca De Siena e all’editore Massafra. Intenzione della I giunta Stefàno era quella di collocarla presso il nuovo museo della città a palazzo Pantaleo. Ad oggi non solo non si sa più nulla della Persefone, ma neppure dell’annunciata apertura di palazzo Pantaleo.

Nessun commento:

Posta un commento