Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

giovedì 4 aprile 2013

POLITICA – Altri due assessori sulla giostra della Giunta Stefàno

Il Sindaco di Taranto ha presentato ieri in una conferenza stampa presso il salone degli Specchi di palazzo di Città i due nuovi assessori della sua seconda Giunta. Si tratta dell'ing. Alessandro Spinelli e dell'avvocato e insegnante Giorgia Strippoli, con deleghe, rispettivamente a Patrimonio, Mobilità e Centro Storico e a Università, Pubblica Istruzione e Beni Culturali. Prendono il posto dell’ing. Barbara Scozzi e dell’arch. Antonella Carella, in ossequio all’idea di procedere, per questi due assessorati, con incarichi semestrali esterni alla politica. Di buono c’è che finalmente si colmano i vuoti generati dalla scadenza dei mandati precedenti e che si sia prevista la delega alla mobilità, prima inesistente; di negativo, francamente, c’è tutto il resto. Stafàno ha difeso questa scelta sui generis con orgoglio, sottolineando quelli che ritiene i suoi punti di forza: incarichi a giovani professionisti e a turnazione. Ora, passi per i giovani professionisti, ma siamo sicuri che gli incarichi semestrali siano una buona idea? Sei mesi, probabilmente, sono giusto il tempo necessario a prendere dimestichezza con gli strumenti politici e l’incarico da assolvere, nonché a capire come gira la macchina
amministrativa. Perciò ci domandiamo, come si può lavorare bene con l’incombenza di una scadenza tanto imminente? a maggior ragione se le deleghe sono tante e così delicate. Altro paradosso è che la ruota non si fermerà neppure in caso si lavori benissimo per la città. Prendiamo il caso della Carella, spesasi per la cessione delle aree dal Demanio al Comune. Aldilà delle critiche che noi stessi abbiamo formulato sulle aree interessate e sul loro utilizzo (le trovi QUI), che attiene all’amministrazione, non possiamo dire che l’assessorato non abbia lavorato con efficienza e celerità. Fatto sta che l’arch. Carella non vedrà neppure la fine del lavoro iniziato. Da qui l’ultima domanda, retorica lo ammettiamo, che ci viene da fare: chi, sarebbe stimolato a far bene sapendo che, in ogni caso, verrà sostituito? Roba da matti, robe da Taranto.

Nessun commento:

Posta un commento