Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

mercoledì 6 marzo 2013

SVILUPPO – Si chiude oggi la partita per le aree demaniali al Comune di Taranto

Si sta svolgendo in queste ore a Roma l’ultimo degli incontri organizzativi coordinati dal Prefetto di Taranto Sammartino per sancire il passaggio delle aree del Demanio al Comune di Taranto. Saranno presenti i rappresentanti dei ministeri della Difesa, dello Sviluppo Economico, del Lavoro e Politiche Sociali, dell’Ambiente, della Salute, della Coesione Territoriale, delle Politiche Agricole. Per gli enti locali, oltre al Prefetto, i presidenti di Regione e Provincia ed il Sindaco di Taranto. La pianificazione volge dunque a conclusione, dopo tre incontri di metodo in cui si è preso atto che la scaletta è stata rispettata senza intoppi. Resta solo la formalizzazione degli atti di cessione, che Demanio e Difesa hanno demandato al Genio Militare della Marina di Taranto che, passando dall’Agenzia del Demanio, restituirà i terreni al Comune. Le aree in questione sono parte dell'ex caserma Fadini,
quella dei Baraccamenti Cattolica fra via Crispi e via Di Palma (dove l'Asl ha proposto di istituire un centro per la prevenzione di malattie causate dall'inquinamento), quella dell'ex caserma Chiapparo ed una individuata in via Saint Bon, oltre ad alcuni alloggi in via Di Palma 162, via Acton 91 e via Cuniberti 61 (ex foresteria Corvisea). QUI trovi la nostra analisi su quest’operazione che, in verità, avrebbe potuto registrare un successo ben maggiore. 

Nessun commento:

Posta un commento