Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

giovedì 28 marzo 2013

SVILUPPO - Isola chiusa al traffico per il Giovedì Santo, nuova istanza degli Howlers al Comune

Pubblichiamo con piacere il comunicato dell'associazione di bikers The Howlers condividendone pienamente lo spirito, non senza chiederci come possa il Comune non pensarci da sè... 
Dopo i riscontri positivi dello scorso anno, l’adv The Howlers (bike group Taranto), ripropone, in occasione dei riti della Settimana Santa ed in particolar modo per il giorno del Giovedì Santo del 28 marzo 2013, la chiusura totale al traffico motorizzato privato all’interno del borgo antico. In tutti noi ciclisti urbani, oltre che nella gran parte dei cittadini di Taranto è ancora “vivo”, e sempre lo sarà, il ricordo di quanto accaduto due anni fa sul Ponte Girevole, quando una disattenzione ci ha portato via l’amico Lucio. I riti della Settimana Santa richiamano da sempre una grande quantità di persone, l’afflusso di autoveicoli verso il borgo e verso l’isola, alla ricerca di un parcheggio paralizza letteralmente il traffico. Gli autoveicoli si muovono a fatica, soprattutto lungo le due arterie esterne dell’isola, via Garibaldi e corso
Vittorio Emanuele II facendosi largo tra la gente che a piedi invade le corsie, in prossimità di piazza Fontana, lungo la ringhiera e per l’appunto sul ponte girevole. Taranto è una città che può vivere anche senza le autovetture è possibile, riuscendo, il più delle volte, ad eliminare inutili intasamenti, snervanti file e criticità contribuirebbe a rendere ancora più suggestiva e spirituale l’evento religioso. Per invogliare gli automobilisti a lasciare le autovetture lontane dal borgo e dall’isola, ribadiamo anche quest’anno, si potrebbero prevedere corse speciali con mezzi pubblici che fanno da navetta A/R da zone in cui parcheggiare sia più facile, far partire per una sera in maniera “sperimentale d’urgenza” il progetto LINEE VELOCI PER IL TRASPORTO COLLETTIVO URBANO DI TARANTO che il Comune l’Amat e la CTP stanno realizzando, potrebbe essere un doppio vantaggio. Oltre alle aree parcheggio di Cimino e Croce (evidenziate nel piano delle Linee Veloci) la nostra associazione segnala  il parcheggio di via Oberdan, il parcheggio dell’ex-Upim, la zona intorno alla Bestat per arrivare in tutta la zona della Concattedrale, le aree parcheggio degli ipermercati, la zona dello stadio Iacovone, oltre allo spazio che si potrebbe usare nelle aree inutilizzate aldilà del muraglione di via Cugini. Sull’altro versante in zona Tamburi ci sono innumerevoli spiazzi via Deledda, piazzale Democrate, lo spiazzo antistante la stazione di Taranto Galese. I nostri sono dei semplici consigli di chi è abituato a vivere la città senza l’utilizzo ossessivo dell’autovettura, di chi ha viaggiato ed ha sperimentato queste possibilità, di chi ha perso un amico per tante piccole disattenzioni che si trascinano nel silenzio mistico di troppi anni.
Nota a margine (ndr)un altro Giovedì Santo sta per affacciarsi sulla città di Taranto e come sempre un gran numero di persone, fedeli e pagani si concentreranno nel borgo antico paralizzandolo. La vita va avanti, per tutti … qualcuno riflette, qualcuno piange, qualcuno guarda solo nel suo, qualcuno guarda in alto.
Ripercorrendo le strade della vita ritrovi i momenti belli e quelli tristi, Giovedì ci fermeremo su quella strada per ritrovare un momento tragico che non dimenticheremo MAI , comeMAI dimenticheremo il LUPO in giro, per strada, nei nostri cuori … tutti i Santi Giorni.

Nessun commento:

Posta un commento