Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

lunedì 3 settembre 2012

CULTURA - La trasmissione radiofonica Con Parole Mie in 'volo' su Taranto


Raffaele Carrieri.
Ai minuti 18:30 e 43:53, la nota trasmissione radiofonica Con Parole Mie di Rai Radio1 del 24 agosto scorso, ha fatto cenno alla nostra città attraverso le penne di George Robert Gissing e del grande Raffaele Carrieri. Il conduttore Umberto Broccoli non ha potuto non dedicare l'apertura della parentesi tarantina alla questione ambientale del nostro territorio, sottolineando come non possa non essere considerata soprattutto una questione sanitaria. Clicca QUI per ascoltare o scaricare il podcast della trasmissione. Un cenno sui due scrittori scelti dagli autori per descrivere Taranto: G. R. Gissing fu uno scrittore inglese di fine Ottocento che raggiunse la nostra città seguendo l'itinerario della Magna Grecia tracciato dall'archeologo francese Lenormant nell'opera La Grande Grèce. Un viaggio come molti avvenivano fra questo e il secolo precedente da parte di umanisti nord europei, non tanto attratti dal turismo dei luoghi, ma dalla saggezza della cultura mediterranea, erede di quella greco-classica. I suoi appunti di viaggio sono raccolti nell'opera "By The Ionian Sea" ("Sulle Rive dello Ionio") del 1901 e raccontano di una Taranto malamente protesa verso la modernità, ancora legata ai suoi aspetti più tradizionali. Per i tuoi approfondimenti sull'opera di Gissing clicca QUI. Quattro anni dopo l'uscita in I edizione di Sulle Rive dello Ionio, nacque a Taranto Raffele Carrieri, indimenticato scrittore e poeta tarantino che, nonostante costretto a lasciare la nostra città già a 14 anni per cercare fortuna altrove, portò per sempre con sè l'amore per la Città dei Due Mari che, in più di un'occasione ebbe modo di raccontare nei suoi scritti. Per saperne di più sulla figura di Carrieri clicca QUI, per conoscere la sua visione della città che gli diede i natali leggi QUI l'articolo dedicatogli dal blog Sulle Sponde del Galeso  

Nessun commento:

Posta un commento