Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

martedì 14 agosto 2012

CULTURA – Ferragosto, una festa che viene da lontano

La statua di Augusto conservata nei Musei Vaticani.

Ferragosto, dal latino Feriae Augusti (vacanze di Augusto) è una festa antichissima. Com'è il caso di molte altre feste divenute in seguito cristiane, il Ferragosto ha origini pagane. Nel 18 a.C. l'imperatore romano Caio Giulio Cesare Ottaviano, proclamato Augusto (ossia venerabile e sacro) dal senato romano, dichiarò che tutto il mese a lui dedicato (scelto per essere quello in cui ottenne tre vittorie e pose fine alle guerre civili) sarebbe stato festivo e dedicato alle Feriae Augusti, una serie di celebrazioni solenni, la più importante delle quali cadeva il 13 ed era dedicata a Diana, dea patrona del legno, delle fasi della luna e della maternità. La festa si celebrava nel tempio dedicato alla dea sull'Aventino ed era una delle poche occasioni in cui i romani di ogni classe e censo, padroni e schiavi, si mescolavano liberamente. Oltre che a Diana, le Feriae erano un'occasione per celebrare Vertumno, dio delle stagioni e della maturazione dei raccolti; Conso, dio dei campi (Consualia) e Opi dea della fertilità, la cui festa, l’Opiconsiva, cadeva il 25 del mese. Le Feriae erano una celebrazione della fertilità e della maternità e, come molte altre feste romane, erano di derivazione orientale e in particolare riecheggiavano quelle in onore di Atagartis, dea madre di origine siriana, patrona della fertilità e del lavoro dei campi. Nel corso dei festeggiamenti, in tutto l'impero si organizzavano corse di cavalli e gli animali da tiro, asini e muli, venivano dispensati dal lavoro e agghindati con fiori. Con l'avvento del cristianesimo la gente attribuì queste medesime prerogative alla Vergine Maria, la cui solennità cominciò ad essere celebrata in luogo di quella di Diana. È importante notare, però, che si trattava solo di una celebrazione di Maria Vergine; il dogma moderno secondo cui la Vergine sarebbe stata assunta in cielo a Ferragosto non si diffuse che nel diciottesimo secolo e dichiarata formalmente da papa Pio XII solo nel 1950. In origine Augustus era il sesto mese dell’anno, Sextilis, poiché i mesi di gennaio e febbraio erano gli ultimi, e non i primi dell’anno, ed era formato da 30 giorni. Fu poi portato a 31 togliendo un giorno a febbraio allo scopo di renderlo importante quanto il mese che lo precedeva, Julius, dedicato a Giulio Cesare che vi nacque (prima Quintilis, quinto mese dell’anno). La tradizione popolare della gita di Ferragosto nasce durante il ventennio fascista. A partire dalla seconda metà degli anni '20, nel periodo ferragostano il regime organizzava, attraverso le associazioni dopolavoristiche delle varie corporazioni, centinaia di gite popolari, grazie all'istituzione dei "Treni popolari di Ferragosto", con prezzi fortemente scontati che dessero l’opportunità alle classi meno abbienti di visitare città italiane con particolare riferimento a quelle marine e montane. La tradizione di agosto come mese delle Feriae è rimasta, motivo per il quale ancor oggi diverse fabbriche e negozi restano «chiusi per ferie». La tradizione popolare di Ferragosto è presente in tutta Italia con celebrazioni religiose, credenze, feste e sagre un po’ dovunque. A Taranto, al tradizionale pranzo ferragostano, si unisce la consolidata usanza del 14 del bagno di mezzanotte. Un conto alla rovescia scandito a gran voce sulle spiagge ioniche che porta moltissimi tarantini e turisti ad abbandonare birre e falò per riversarsi in mare a festeggiare l’avvento della festa più lunga dell’estate.

(fonti: risveglio.net, xoomer.virgilio.it e wikipedia)

Nessun commento:

Posta un commento