Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

venerdì 6 aprile 2012

CITTA’ VECCHIA – Palazzo Pantaleo aperto…solo per le telecamere

Gli interni restaurati di palazzo Pantaleo
nella foto tratta da Archeologia Taranto.
Vi ricordate ai primi di febbraio (il 10) l’inaugurazione in pompa magna del restaurato palazzo Pantaleo in Città vecchia (leggi QUI)? Bè, come potrà notare chiunque vi si rechi - e saranno in molti in questi giorni - è chiuso! I musei annunciati, quello della Città di Taranto e quello etnografico “Majorano”, non sono ancora visitabili, né è dato sapere quando sarà possibile farlo. Intendiamoci, il settecentesco palazzo Pantaleo è stato davvero restaurato e l’opera è più che meritoria, ma è chiaro che i tarantini si aspettavano un’inaugurazione legata alla fruibilità dell’edificio e non alla conclusione di un recupero non visitabile. Evidentemente non si sarebbe riusciti a completare l’allestimento delle strutture museali entro la fine della legislatura e le necessità elettorali di rivendicare l’operazione hanno segnato quest’inaugurazione a solo beneficio…delle telecamere. Gli oggetti della preziosa collezione di Alfredo Majorano sono già stati trasferiti nella rinnovata sede che li ospiterà, dunque non sono fruibili durante i riti della Settimana santa neppure nella vecchia sede di palazzo Galeota. All’origine del ritardo pare ci siano problemi relativi all’agibilità dell’edificio, ma chissà che le elezioni non ci regalino qualche prodigio comunque molto ben accetto al riguardo. Insomma neppure l’amministrazione Stefàno è riuscita a rimanere esente dal morbo della campagna elettorale che ogni cinque anni, ciclicamente, contagia le amministrazioni di tutte le bandiere politiche, con annunci roboanti e disattesi (leggine uno QUI), inaugurazioni frettolose, lavori stradali a tappeto nei quartieri più popolosi e personale Amiu alacremente al lavoro. Riconosciamo che quello dei lavori pubblici è fra i pochi settori ad aver lavorato bene durante la legislatura, ma non passa inosservato il fatto che in queste settimane ci si stia spendendo nel vecchio trucco di disseminare per strada tanti piccoli lavori dalla comune caratteristica di essere tutti molto ben visibili all’occhio del cittadino elettore. Una domanda più cattiva ci viene piuttosto di farla riguardo all’Amiu: ma come fanno le amministrazioni a rendere così puntuale il servizio di pulizia e manutenzione di strade e giardini appena prima delle tornate elettorali? Quali sono le leve che consentono quest’efficientamento di lavori di natura ordinaria?

Nessun commento:

Posta un commento