Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

mercoledì 28 marzo 2012

COM'E' ANDATA - La giornata nazionale della gente di mare


Il tavolo dei relatori della giornata.

Si è svolta ieri mattina presso la caserma "D'Onofrio", all'interno del Porto mercantile di Taranto, la giornata nazionale della gente di mare, un momento di conoscenza e confronto sulle tematiche inerenti il mondo del mare e di quanti sono attivamente impegnati, per motivi professionali e/o di volontariato, nei mari di tutto il mondo. Al confronto un tavolo composto da alcuni relatori di rilievo: Don Giacomo Martino, responsabile nazionale delle "Stella Maris" d'Italia (realtà di volontariato presente in gran parte dei porti nazionali ed internazionali, ad opera delle differenti diocesi, con l'obiettivo di essere al servizio dei marittimi sotto ogni aspetto spirituale, pratico e logistico); Marisa Metrangolo, responsabile dell'ufficio migranti della diocesi di Taranto e coordinatrice della Stella Maris di Taranto; il capitano di vascello della Capitaneria di porto di Taranto, Pietro Ruberto; il presidente dell'autorità portuale di Taranto, Avv. Sergio Prete. All'incontro ha inoltre presenziato e portato il suo saluto anche l'arcivescovo di Taranto, S.E. Rev.ma Mons. Filippo Santoro. Nel corso degli interventi sono stati affrontati diversi argomenti: il capitano Ruberto, dapprima, ha evidenziato l'importanza del ruolo di comunicazione tra enti e istituzioni del mondo marittimo, insieme ai gruppi di volontariato. C'è stato anche spazio per alcuni ricordi di particolari mansioni operate dai marittimi, spesso sconosciute dai cittadini, ma di elevata importanza e valore umano per tutti gli operatori del mare, come ad es. la figura del "marconista", colui che aveva il compito di rendere possibili le comunicazioni via radio  tra operatori marittimi e i loro familiari, spesso presenti in punti molto distanti del globo terrestre. Subito dopo, Marisa Metrangolo è intervenuta descrivendo le attività che sono oggi in essere presso la sede tarantina della Stella Maris, nel porto mercantile. Questa è stata anche un'occasione per evidenziare alcuni dati statistici fondamentali per comprendere la portata di un fenomeno di grande disagio, che spesso coinvolge esseri umani lontano dalla loro casa, nell'inconsapevolezza generalizzata delle cittadinanze. E' così emerso che nel 2011 a Taranto sono transitate circa 2069 navi, recanti equipaggi di 45 nazionalità differenti, con una permanenza media per imbarcazione di circa 4 giorni e un numero complessivo di persone presenti in modo alterno nella città stimata intorno alle 150.000 unità. Dati impressionanti, che se arricchiti dal fatto che le etnie rappresentate sono molteplici (russi, ucraini, indiani, pakistani, filippini, ecc) rendono bene la complessità di un fenomeno di globalizzazione e di esigenze umane che risulta arduo affrontare con la sola disponibilità di pochi volontari. E' proprio per questo che la stessa Metrangolo, ha invitato anche i numerosi ragazzi e giovani presenti in sala, ad interpellare la Stella Maris di Taranto, se intenzionati a collaborare. L'intervento di don Giacomo Martino ha invece posto l'attenzione soprattutto sugli aspetti sociali e spirituali che coinvolgono gli operatori del mare, nel corso delle loro peregrinazioni in tutto il mondo. Alcuni equipaggi sono spesso vittima infatti di atti di pirateria, altri di vero e proprio abbandono da parte degli armatori delle navi, causando disagi e carenze di ordine alimentare e assistenziale davvero gravi. Queste persone sono però il simbolo della cooperazione e dell'interculturalità e interreligiosità. E' infatti frequente registrare negli equipaggi di bordo dei mercantili di tutto il mondo, una commistione tra lavoratori di differenti etnie e religioni, che riescono a convivere e lavorare proficuamente, fornendo anche un insegnamento significativo per le comunità cittadine di tutto il mondo, troppo spesso divise su questioni in confronto marginali. Il presidente dell'autorità portuale di Taranto, avv. Sergio Prete ha invece confermato la piena disponibilità dell'Istituzione da lui rappresentata a collaborare e supportare le attività della Stella Maris, fornendo un importante esempio di collaborazione tra istituzioni e mondo del volontariato il cui unico scopo è quello di migliorare le condizioni di vita e di permanenza dei marittimi all'interno dello scalo jonico. L'intervento dell'arcivescovo di Taranto, Mons. Filippo Santoro si è incentrato prevalentemente sulla cura pastorale e sul significato ecumenico della solidarietà espressa sul territorio locale dalle realtà diocesane della Migrantes e della Stella Maris. E' proprio nell'ottica del rispetto del lavoro e della fatica umana di tutti gli operatori del mare, infatti, che Mons. Santoro alcuni mesi orsono, decise di approdare e insediarsi nel suo ministero a Taranto arrivando dal mare, in continuità col santo patrono San Cataldo. Ai pescatori, mitilicoltori, ai marittimi, ai volontari e a tutte le autorità impegnate nel mondo del mare, Sua Eccellenza ha rinnovato il suo ringraziamento per la preziosa attività svolta e per l'impegno profuso nell'arco di tutto l'anno, pur in condizioni frequenti di forte disagio, logistico ed economico. In conclusione, prima della chiusura dei lavori, va registrato l'intervento di un operatore marittimo impegnato nello scalo tarantino, il quale ha raccontato brevemente la sua attività passata e presente nel mondo della marina mercantile, valorizzando le esperienze umane e le conoscenze acquisite in quasi vent'anni di lavoro.
di Daniele Nuzzi

Nessun commento:

Posta un commento