Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

giovedì 26 gennaio 2012

AEROPORTO – Ennesimo show del nulla

L'aeroporto di Taranto-Grottaglie.
Ieri mattina si è riunita a Bari la V Commissione regionale Trasporti alla presenza dell’ass. regionale al ramo Minervini, dell’AD di Aeroporti di Puglia Di Paola, della flotta di tarantini in regione composta dall’ass. al Bilancio Pelillo, dal presidente della stessa commissione Pentassuglia  e dai consiglieri ionici, dei sindaci di Grottaglie e Monteiasi e del vice-presidente della Provincia Carrieri. Inutile girarci intorno, il risultato è l’ennesima presa in giro per il nostro territorio, che esce da questo incontro con: la promessa di un’indagine sui flussi che l’Arlotta muoverebbe per i voli civili, la promessa dell’insediamento di una scuola piloti e di un presidio della Protezione Civile con sede per gli aerei spegni-incendi Canadair e la promessa di dare nuovo impulso all’intermodalità porto-aeroporto (che in sé non significa proprio nulla). Una sola la proposta concreta, che riguarda l’istituzione dal 30 marzo di otto corse che collegheranno Taranto agli scali di Bari e Brindisi con orari modulati su quelli di partenza degli aerei. Di certo una comodità in mezzo ai mille disagi per raggiungere il resto d’Italia, ma comunque un servizio che serve ad agevolare il passaggio di denaro da Taranto verso i soliti noti. Se fatta davvero, l’indagine sul potenziale bacino di utenza dell’Arlotta non sarebbe male (anche il personale della Marina Militare lunedì scorso ha espresso forte interesse per l'attivazione dello scalo ionico), ma ricordiamo che fu la stessa AdP a parlare di 900.000 possibili passeggeri l’anno. E se anche vi fossero dubbi a riguardo, basterebbe osservare le resistenze di Bari e Brindisi per capire quanta economia muovano i tarantini… Però sarebbe un grave errore pensare a  Grottaglie  solo come scalo locale, perché in realtà il suo raggio d’azione abbraccia alta Calabria, Basilicata e bassa Campania, tutte sprovviste di aeroporti e ricche di attività produttive e turistiche. Fa grande rabbia pensare che in nome di questo incontro, che doveva essere carico di conquiste, i nostri consiglieri avevano ritirato un ordine del giorno per il finanziamento di 1milione di euro per l’avvio dell'attività cargo e dei voli civili con Ryanair da Taranto-Grottaglie. Ma il problema è proprio lì e sta in chi ci rappresenta, che sembra sempre più sensibile ai problemi degli altri che a quelli di casa nostra. Ci parlano spesso di complementarietà fra le città pugliesi, ma non si capisce perché i sacrifici debbano spettare sempre alla seconda città della Puglia (vedi anche Università, infrastrutture e porto). Purtroppo questo nulla di fatto non ci ha sorpreso per nulla, poiché ampiamente annunciato dalle quanto mai tempestive dichiarazioni del direttore di AdP Franchini di due giorni fa, in cui quasi diffidava i tarantini dal pretendere qualcosa di più dei cargo (di cui peraltro non si vede neppure l’ombra). Considerate poi che la discussione sull’Arlotta non era neanche stata inserita nell’ordine del giorno dell’assemblea di ieri, ma solo a margine della stessa. A Taranto però da qualche giorno abbiamo il “Tavolo della Mobilità”, volete mettere? È stato istituito dalla Camera di Commercio per creare comunione di intenti in favore del sistema trasportistico locale. Peccato che la Camera di Commercio di Taranto sia il secondo azionista di Aeroporti di Puglia (vedi QUI) e se solo lo volesse davvero, avrebbe tutto il diritto di far valere la sua posizione. Siamo pieni di intenti e tavoli di chi ancora non ha capito che ora i tarantini pretendono fatti. Usa i link presenti per i tuoi approfondimenti e per far sentire la tua voce con i nostri amministratori: a partecipare c'è più gusto, a guadagnarci è la tua città! 

Nessun commento:

Posta un commento