Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

martedì 27 dicembre 2011

CULTURA – Recuperata la Cripta del Redentore, uno dei monumenti più antichi della cristianità

Il Cristo Pantocratore
raffigurato nella Cripta.
Questa mattina alle 11 l’amministrazione comunale ha ufficialmente restituito alla città il monumento più antico della cristianità di Taranto, la Cripta del Redentore di via Terni. I lavori hanno riguardato il recupero strutturale della cupola, l'eliminazione delle infiltrazioni di acqua piovana e la sistemazione degli ingressi e dell’area circostante con l'apposizione di una struttura in vetro e metallo a tutela del sito. Resta da compiere il restauro degli affreschi e da formalizzare il piano di gestione che dovrà indicare quando e come la Cripta potrà riaprirsi a turisti e visitatori. Un luogo carico di storia, tanto più che fu usato già prima della cristianità, quando i pagani adattarono l’originale tomba a camera greca a chiesetta dedicata al culto di Apollo. Fu lo stesso apostolo Pietro, di ritorno dalla Terra Santa e sul tragitto di Roma a convertirla al culto cattolico celebrandovi i primi battesimi di cui si abbia notizia nel nostro territorio. Dunque un recupero dall’enorme valenza storico-culturale che fa riempire il petto di orgoglio ai tarantini, in molti mobilitatisi in difesa di questo monumento con sollecitazioni e raccolta firme. Proprio lo scorso anno, durante le festività natalizie, tale richiesta, sostenuta dall’editore Piero Massafra, dal locale Rotary Club Magna Grecia e dal prezioso lavoro della coop. PoliSviluppo, culminò nell’apertura straordinaria del sito, in cui fu possibile effettuare visite guidate e conoscerne la straordinaria portata. I 3.000 visitatori che riempirono la Cripta nei 15 giorni di apertura testimoniarono la fame di cultura della città e portarono alla presa di posizione dell’amministrazione civica che oggi porta a compimento la sua promessa ai tarantini. E poco importa se qualcuno potrà obiettare che si tratta di campagna elettorale, perché il risultato è di quelli importanti e resterà alla città. In ogni caso c’è da essere ottimisti se oggi possiamo raccontare che la campagna elettorale si porta avanti con la cultura anziché con comparsate allo stadio e qualche manciata di asfalto sulle strade cittadine. A tutto merito dei tarantini e della loro nuova attenzione per la città, ovviamente. Guarda QUI le foto dell'inaugurazione e della Cripta (scatti di Ferruccio Cornicello), clicca QUI invece per i tuoi approfondimenti su questo straordinario monumento.

2 commenti:

D'ANDRIARCH ha detto...

Felicissima che la mia Città s'impegna nel recupero e diffusione dell'antico.Sono a voi vicina e se posso e se vi interessa vi invierò copia del riuso di altro sito
Aurelia D'Andria Architetto

Vivi Taranto ha detto...

buongiorno Aurelia, condividiamo la soddisfazione x questo investimento che riguarda il passato ma che deve senza dubbio costituire il futuro della nostra città. Siamo certamente interessati al progetto di riuso, lo aspettiamo con piacere, grazie

Posta un commento