Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

martedì 4 ottobre 2011

AEROPORTO - Arriva l'ultimo ok dall'Enac, il 24 si vola da Grottaglie

Il charter della BH Airlines.
L’Enac, Ente Nazionale Aviazione Civile, ha ufficialmente concesso i diritti per i voli charter Taranto-Medjugorje organizzati dall’associazione Tarantovola in collaborazione col tour operator Libra Viaggi e con la compagnìa aerea BHAir. Un lasciapassare atteso, ma di cui il pres. dell’associazione Francesco Gravina non dubitava, certo che, in presenza di richieste con tutti i requisiti di legge, non poteva (e non doveva) esserci opposizione né dalla Aeroporti di Puglia, società regionale che gestisce gli aeroporti pugliesi, né dall’Enac. E così è stato. Grottaglie riaprirà ai voli civili, un successo ottenuto grazie a volontà e determinazione, dopo oltre un anno di lavoro costellato da mille ostracismi, ma premiato dalle decine di prenotazioni effettuate per i tre pacchetti organizzati (24/27, 27/30 ottobre e 30 ottobre/3 novembre). I pochi posti ancora disponibili sono prenotabili presso gli organizzatori o le agenzie viaggi del territorio e l’Appia Viaggi in particolar modo. La notizia segue l’approvazione all’unanimità dell’ordine del giorno nel Consiglio regionale del 27 scorso (leggi QUI) in cui anche i consiglieri ionici hanno fatto squadra per l’Arlotta e la raccolta firme promossa dal Movimento Aeroporto Taranto. Anche la Provincia di Taranto ieri, per bocca del presidente Florido, è tornata ad esprimersi in merito con una dura presa di posizione contro l’Aeroporti di Puglia, rea di ignorare lo sviluppo aeroportuale di quello che sarebbe l’unico scalo italiano sullo Jonio. Da via Anfiteatro si chiede che Aeroporti di Puglia rinunci ai soldi della convenzione con la Regione dal momento che “non è in grado di far funzionare l’Arlotta” e che ci si adoperi per cercare altre società private in grado di prendere il posto di AdP nella gestione dello scalo se è vero, come affermato dall’ass. regionale ai Trasporti Minervini, che non ci sono fondi per l’Arlotta. Infine si è avanzata la (sacrosanta) proposta di spostare a Grottaglie “i voli civili che Brindisi non riuscire più a gestire; in questo modo l’Arlotta entrerebbe a far parte ralmente del sistema aeroportuale regionale”. Non resta ora che aspettare le risposte dalla Regione.
Usa i link presenti per i tuoi approfondimenti e per far sentire la tua voce con i nostri amministratori: a partecipare c'è più gusto, a guadagnarci è la tua città!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma dove volete andare!!! Ma non capite che Grottaglie non apre e non aprirà perchè altrimenti si scopriranno tutti gli "imbrogli e tangenti(del management dell'aeroporto)" sui lavori e forniture effettuate nel 2004 sulla pista pari a 200 milioni di euro di soldi pubblici ?

ViviTaranto ha detto...

Gentile lettore, l'aereoporto aprirà il 24 ottobre prossimo per il primo dei tre charter previsti per Medjugorje. A questa seguiranno altre iniziative portate avanti prevalentemente dalla società civile. Che le istituzioni non facciano molto perché imbrigliate in mille compromessi e giochi politici è un dato di fatto, ma lo è anche quello che, quando i cittadini osservano, pretendono e agiscono i risultati arrivano.

Posta un commento