Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

lunedì 4 luglio 2011

SVILUPPO - Una fiaccolata per Lucio

Lucio Dione.
Di solito le partenze improvvise lasciano grandi vuoti in chi resta, ma capita anche che quelle degli uomini più grandi lascino dietro di loro una tale ricchezza di spirito da continuare ad animare e ispirare quanti hanno avuto la fortuna di conoscerli, e molto oltre. E’ il caso di Lucio, andatosene lo scorso aprile a causa di quell’incultura che tanto combatteva nelle sue appassionate battaglie che, chi gli ha voluto bene, continua a fare in suo nome grazie alla forza sprigionatasi dall’enorme dolore. Lucio era in tanti eventi e in innumerevoli idee brillanti e non smette di esserlo: a lui è stata dedicata Cantine Aperte presso i Feudi di San Marzano, in sua memoria ha avuto luogo il flash mob dei ciclisti urbani tarantini in piazza Maria Immacolata, a lui (e pensato da lui) il progetto “L’Isola che vogliamo” varato da diversi operatori culturali del territorio allo scopo di animare la Città vecchia con feste che avranno luogo tutti i mercoledì d’estate da fine luglio. E a lui sarà soprattutto dedicata la fiaccolata per le vie del centro del prossimo 7 luglio, giorno del suo compleanno che, quasi fosse un segno, quest’anno cade proprio di giovedì, giorno del raduno tarantino delle due ruote. Una fiaccolata che sarà un modo per mantenere vivo il ricordo della persona eccezionale che era, ma anche una richiesta di giustizia e una forte denuncia contro l’inciviltà che arriva a uccidere chi sta tranquillamente passeggiando con la sua famiglia in sella alla sua amata bicicletta in una serata dedicata alla tarantinità più profonda. No, non è la bicicletta ad essere pericolosa, né chi la porta ad essere incosciente, non bisogna cedere alle facili conclusioni di una società in cui si accetta che tutto vada al contrario. Anche per questo il 7 luglio le fiaccole dei tarantini dovranno illuminare il borgo al punto da poter essere viste il più in alto possibile...per non smettere di credere in una città migliore, che abbia rispetto soprattutto di chi la ama di più. 
L'appuntamento con “Facciamoluce” è alle 20 in piazza Ebalia, ognuno di noi porti una luce, una torcia o una fiaccola. Purchè si faccia luce.

1 commento:

ViviTaranto ha detto...

Riceviamo e pubblichiamo con piacere la lettera aperta inviataci da Enrica, la compagna di Lucio, per invitare tutti a partecipare alla fiaccolata di giovedì.

Il 7 luglio Lucio avrebbe compiuto 39 anni.
Noi che lo abbiamo amato, quel giorno, faremo luce nelle strade di Taranto per lui, per sentirlo ancora tra di noi, perché nessuno possa mai dimenticare.
Invito coloro che lo hanno conosciuto, gli amici di sempre e quelli di ieri, chi ha provato dolore, commozione, rabbia, sdegno, chi, come Lucio, ama Taranto e crede ancora nei sogni, chi pensa che il rispetto degli altri coincida con il rispetto di se stessi, a unirsi a noi e portare la propria luce.
Perché ciò che è stato si poteva e si doveva evitare.
Perché Lucio ha illuminato questa città e noi dobbiamo tenere viva la sua luce.
Ringrazio quanti parteciperanno e tutti coloro che abbiamo sentito vicini, in particolare l’associazione Altamarea, che sin dall’inizio è stata presente con le parole e con le azioni, diversamente da chi avrebbe avuto molte più ragioni per farlo.
Enrica Mainenti

Posta un commento