Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

domenica 31 luglio 2011

COSA FARE a TARANTO - Escursioni nel Parco regionale "Terra delle Gravine"

Escursioni in Gravina
L’escursione nel Parco Regionale “Terra delle Gravine” è un’esperienza piena e completa e una delle più uniche che possa offrire il nostro ricco territorio. Non solo un tuffo nella natura incontaminata fra pareti di roccia, vegetazione spontanea e fauna variegata, ma una passeggiata alla scoperta dei più remoti insediamenti umani della nostra terra. La Gravina pugliese è il più maestoso canyon naturale d’Europa e fra le sue pieghe millenarie è possibile trovare i segni delle ere geologiche passate e ammirare dolmen, aree archeologiche di età classica ed ellenistica, villaggi medievali e chiese rupestri ricavate nella pietra ed affrescate. Una bellezza paesaggistica che lascia senza fiato e che avvolgerà il visitatore fra sentieri boschivi e le tipiche Masserie della murgia tarantina. Diversi gli itinerari di trekking previsti e condotti da esperte guide turistiche: quello di Statte e Crispiano con le gravine di Leucaspide, Triglie e Alezza, le chiese rupestri di San Giuliano e Sant’Onofrio a Todisco e l’antico acquedotto romano del Triglio; quello di Palagianello, spettacolare testimonianza della storia geologica pugliese con villaggi medievali, habitat rupestri e il Santuario della Madonna delle Grazie; quello di Castellaneta e Laterza con la gravina di Montecamplo e quella di Laterza, la più grande e spettacolare del Parco, lo Iazzo Maldarizzi, i trappeti e testimonianze archeologiche preistoriche e medievali. In più, qui, la possibilità di richiedere la visita al Belvedere della Gravina di Laterza ed alla masseria didattica Sierro Lo Greco con degustazione di prodotti tipici locali. Infine l’itinerario di Massafra e Mottola con le gravine di San Marco e Petruscio, i villaggi rupestri, la necropoli greca e le Masserie Pantaleo e L’Amastuola. Percorsi adatti a tutti per cui è necessario solo indossare scarpe comode, avere con sè una bottiglia d’acqua e dotarsi di quel rispetto che la Natura impone per proseguire la sua incredibile opera. Clicca QUI per vedere le foto e QUI per avere tutte le info utili a prenotare la tua escursione e conoscere il resto dell’offerta turistico-culturale del territorio tarantino.

Nessun commento:

Posta un commento