Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Segui il Canale Youtube L’APP di Targato TA

venerdì 1 luglio 2011

COM'E' ANDATA - Il Convegno "Taranto vecchia: cartolina del degrado o museo della storia?"

La Città Vecchia.
Si é svolto il 29 e 30 giugno, presso gli spazi del ristorante "Il Gambero" a Taranto, il convegno promosso dall'associazione La Città che Vogliamo, dal titolo " Taranto vecchia: cartolina del degrado o museo della storia?". Oggetto l'ipotesi di rigenerazione della Città Vecchia, proprio in concomitanza con l'approvazione in consiglio comunale del documento programmatico di rigenerazione urbana del centro storico e del borgo. Nel corso dell'evento, che ha visto la partecipazione di cittadini, ordini professionali e Pubblica Amministrazione, si sono avvicendati numerosi relatori, con momenti di dibattito e confronto. Tra questi gli assessori comunali Capriulo e D'Ippolito, quello regionale all'Assetto del Territorio Barbanente e il sindaco di Bari Emiliano, che ha descritto l'esperienza di recupero del centro storico del capoluogo regionale. Rilevanti anche gli interventi degli ordini professionali del territorio ionico (Tamborrino per i geometri e La Gioia per gli architetti). Di spessore sociale e culturale, inoltre, le testimonianze di operatori culturali della Città Vecchia: suor Teresina (ordine delle suore del Sacro Costato), la prof.ssa Nigro (docente presso la scuola "Galilei"), il cav. Gennarini (imprenditore "storico" della Città Vecchia) e l'ing. De Bellis, professionista e imprenditore titolare di una rinomata struttura ricettiva nel centro storico. Gli esponenti dell'amm.ne comunale hanno quindi potuto esporre i contenuti del recente provvedimento assunto per iniziare la rivitalizzazione del centro storico, sottolineando l’ormai imminente apertura come sede universitaria dell'ex convento di S. Francesco e la vicina definizione degli accordi con la Marina Militare per la sdemanializzazione di ingenti porzioni della città, con concentrazione delle attività solo a San Vito e Lama. Accolta dalla stessa amm.ne la rilevante richiesta, da parte dell'ass.ne La Città che Vogliamo e supportata da cittadini e associazioni presenti, di procedere ad un concreto ascolto delle istanze locali per una progettazione partecipata dei prossimi interventi di pianificazione nella Città Vecchia.
di Daniele Nuzzi

Nessun commento:

Posta un commento